martedì 4 dicembre 2007

bioraptus e biodubbi...e adesso che faccio?



si lo so sono scema.
melassa a destra, malto d'orzo al centro e topinambour a sin.
sul malto so qualcosa.
ma su melassa e topinonsocosa...tabula rasa

8 commenti:

comidademama ha detto...

il topinanbour è eccellente mangiato crudo, senza buccia, tagliato finissimo, in pinzimonio. Mio papà e mio nonno ne mangiavano moltissimi come antipasto.
Cotti in padella con poco olio o burro diventano color nocciola e vellutati. Noi li mangiamo così o in sformatino che viene servito con la bagna cauda o con una salsina alle acciughe salate.
Nella vera a propria bagna cauda viene intinto crudo come anche i cardi gobbi.

Sai potresti fare un flan in crosta, se li avessi ti farei la foto e la metterei sul blog.

comidademama ha detto...

Flan di Topinanbour
Usa degli stampini monodose, oppure prova a fare una teglia intera, ma è meno bello.Non ho mai provato ma mi piacerebbe vedere come viene se lo mettessi dentro uno stampo rivestito di pasta brisée

250 gr. di topinanbour
2 cucchiai di grana grattugiato
2 uova
50 gr. di panna brodo di verdure q.b.
1 cucchiaio di olio extra vergine
succo di limone q.b.
sale, pepe

Lavare e raschiare accuratamente i topinambour, immergerli man mano in acqua acidulata con succo di limone, per non farli annerire, quindi sgocciolateli e tagliarli a tocchetti.
Trasferiteli in un tegame dove avete riscaldato l'olio, unire alcuni cucchiai di brodo, un pizzico di sale e cuoceteli, coperti a fiamma dolce, per circa 20 minuti, aggiungere se occorre ltro brodo caldo. Frullateli e lasciate intiepidire il purè.
Amalgamate le uova con la panna ed il grana, incorporatevi il purè, regolate di sale e pepe e mescolate, poi suddividete il composto negli stampini.
Cuoceteli in forno, preriscaldato a 180° in un bagnomaria caldo ma non bollente, per circa 30-35 minuti, negli ultimi 5 minuti togliere gli stampini dal bagnomaria, adagiateli sul fondo del forno e ultimate la cottura.
Lasciate riposare i flan per qualche minuto fuori dal forno, sformateli sul piano di portata e serviteli con la salsa d'acciughe calda.

E' una vecchia ricetta di mia mamma.

comidademama ha detto...

per la melassa ci sono i biscotti, devo trovare la ricetta

enza ha detto...

ma lo sai che ho fatto una cosa simile utilizzando i carciofi?
usando uno stampo da plumcake e non mettendo il coperchio di pasta, giusto qualche ritaglino decorativo.
la foto ce l'ho ma chissà dove.

comunque sei preziosissima.
grazie!

stelladisale ha detto...

buonissimi i topinambur, a metà tra la patata e il carciofo come gusto, ci puoi fare qualunque cosa praticamente... trifolati, in purè, sugo per la pasta, risotto...
la melassa mai comprata in vita mia...
baci

enza ha detto...

ho un libricino di anne wilson che parla di biscotti burrosi con la melassa.
la mia amica kate very sicilian-english forse potrà darci qualche dritta in più.

Adrenalina ha detto...

Ho visto proprio ieri sera su Grazia una ricetta con il topinanbour, dopo la scansiono e te la mando via mail :*

enza ha detto...

sei un tesoro.