venerdì 18 marzo 2011

L'ultima botta di freddo

crema setosa al formaggio di elena

Approfittattene, approfittatene.
Io non ho esperienza di fondute o di creme al formaggio.
Di quella di Elena mi piace la tecnica, la semplicità e il fatto che davvero sia for dummies.
L'abbiamo usata e abusata per tutto il periodo natalizio utilizzando prima il formaggio da raclette e poi spingendoci oltre con il raschera e altri.
il risultato e' stata una discreta ciambella intorno alla vita fino a quando abbiamo capito di avere esagerato.

ora: noi non possiamo più mangiarla, almeno fino alla prossima glaciazione ma voi....non sapete che vi state perdendo.
La copio in toto anche perche' son le spiegazioni a margine che fan delle ricette insicure delle certezze e poi perche' io adoro questa donna anche per il suo modo di scrivere
Da sbattersi per terra.

CREMA SETOSA AL FORMAGGIO DI ELENA AKA COMIDA

[Non è] fonduta.





Quale è il vostro segreto? Come scongiurate i grumi nella fonduta, meteore gialle nel pentolino da far venire su il nervoso - e cambiare velocemente il menu?
Tenere sotto i 60°C la temperatura del nostro composto? Lasciare il formaggio in ammollo nel latte per una notte? Infarinare il formaggio? Far sentire Mozart al cuoco mentre gira con il cucchiaio?

Beh, io ho detto: "Grumi addio, seguo la ricetta di mia mamma."
Non amando la fontina lei usa un fontal o un Raschera. L'altro giorno ho utilizzato una toma piemontese. L'importante è che il formaggio, generosamente privato della crosta, sia tenuto per un giorno a temperatura ambiente.
A dirla tutta, una volta il my wise ha rimesso in frigorifero il formaggio, le 24 ore fuori dal frigo si sono ridotte a 3 ed è andata benissimo lo stesso.
Servono 200 g di formaggio, 200 g di panna da cucina, un tuorlo d'uovo.





Vedo nasi storcere. E prima niente fontina, e poi la panna. Ma che fonduta è? E dove la mettiamo la ricetta torinese dell'Artusi?
Io nel titolo l'avevo annunciato.
Chiamatela crema setosa di formaggio. Anzi, non chiamatela proprio.
Servitela bollente in tavola con una scelta di verdure invernali al vapore, senza scordare le patate. Oppure con un flan di porri.
Ingredienti per 4 persone

200 g fontal, tagliato lontano dalla crosta, a temperatura ambiente
200 g panna da cucina
1 tuorlo d'uovo

Tagliare il formaggio a dadini lasciandolo riposare a temperatura ambiente, coperto da una pellicola trasparente.

Unire il formaggio e la panna in un pentolino di medie dimensioni posto a bagnomaria.
Fare sciogliere lentamente il formaggio a fuoco moderato e mescolare fino a ottenere una crema omogenea.
Unire infine il tuorlo mescolando continuamente, fino a incorporarlo al resto.
Servire bollente su verdure a vapore, su patate bollite, flan di porri, flan di cardi, flan di spinaci, su fette di pane casereccio o di polenta abbrustoliti.

24 commenti:

LaGolosastra ha detto...

Ecco, infierite.
Una di quelle ricette lette da Elena che mi fan sbavare in modo inopportunamente indecente.
Secondo te quante pasticchette di maledetto enzima lattasi dovrei ingurgitare per poterne assaggiare un cucchiaio? Giusto una patata pucciata generosamente...


CHE VOGLIAAAA!
Da sbattersi per terra, davvero.

Alessandra ha detto...

Mai fatta la fonduta. Infatti non so neppure se l'ho mai mangiata...

comidademama ha detto...

Che dire, Enza! Mi fai un piacere, ma pure mi sento in colpa per la faccenda delle ciambelle. Prometto (e tardo a mantenere) una passeggiata brucia calorie con te in quel di Roma.

Per il resto, mia mamma mi ha insegnato ricette da sbattersi per terra e son felice di condividerle con voi :)

comidademama ha detto...

Golosastra mi spiace che tu sia lattosio intollerante, devo cercare ricette più clementi (e credo di iniziare anche io a patire latte e derivati, purtroppo)

sivia ha detto...

per anni ho allontanato i formaggi per colpa del colesterolo che se ne è sbattuto. ora me li godo con le ricette da sbattersi per terra!

La Gaia Celiaca ha detto...

ho scoperto di avere il colesterolo un po' altino, ma finché nessuno mi metterà a dieta... mi sbatterò per terra anch'io :-)

buonissima!

enza ha detto...

mi fate morire.
:)

Aiuolik ha detto...

Per me puoi chiamarla come vuoi, basta che me ne prepari un po' :-)))

Lo ha detto...

urca...ma questa roba qui...è davvero da viziosi e golosi...ci credo che crea dipendenza! un bacione

Giuky ha detto...

Gnam gnam..il formaggio l'adoro!:D

madonnadelpiatto.com ha detto...

W l'ITalia! (dei leghisti mi vergogno)

fiOrdivanilla ha detto...

che bella variante, è un'ottima (non)fonduta che, per non eccedere troppo, si potrebbe usare come piccolo "letto" di un raviolone ripieno.

Edda ha detto...

Non so' se qui sarà l'ultima botta di freddo anzi quindi la crema è più che benvenuta. Grazie per i consigli e adoro la foto, la dice lunga :-)

fiOrdivanilla ha detto...

io ci vedrei molto un raviolone di grano arso. Panna, formaggi... son già dolci e "golosi", ci vuole qualcosa che spezzi e si integri bene. Un raviolone di grano arso (con un 30% di questa farina) ci starebbe bene anche come contrasto cromatico. Il ripieno è da studiare..

Claudia ha detto...

adesso non posso, mi sa che dovrò aspettare il prossimo gozzovigliare natalesco sono oramà rotolante altro che ciambella...
cla

enza ha detto...

manu studia ma secondo me dentro ci vuole qualcosa di fresco.
cla lascia perdere ci vorrebbe un miracolo il bello è che con tutto sto lavoro m'attacco alla cioccolata per antidepressivo

fiOrdivanilla ha detto...

un qualcosa di amaro oppure "acido" che sgrassa la bocca.. il tuo ripieno proposto qui sopra però ci sta anche!

enza ha detto...

Cime di rapa sarebbe troppo ma, per restare in tema dicrucifere direi cavolo nero

Andrea Libertella ha detto...

Che bella ricetta!
Buon weekend

La Gaia Celiaca ha detto...

ci sei cara? lo so che il tuo bloggerare è erratico, ma quando manchi da un po' passo per dare un'occhiatina...

Valeria ha detto...

prometto di non chiamarla in alcun modo... ma è così strepitosamente invitante.. anche se oggi sono in canottiera!!!

vincent ha detto...

Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
farsi conoscere.

Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
nella barra in alto.

Ti inviamo i nostri migliori saluti

Vincent
Petitchef.com

enza ha detto...

si ci sono ma è un periodaccio per il lavoro e i primi caldi mi hanno buttata sul terrazzo dimentica della rete.
son cose.
vale manco a farlo apposta a roma la temperatura è crollata di 10 gradi, ho riacceso i termosifoni :(

marty90 ha detto...

mmmm che buonaaaa..complimenti per il tuo blog..passa a trovarmi.
http://cucinadicottoespazzolato.blogspot.com/