lunedì 29 marzo 2010

gioco da piccole



Son giorni strani, giorni nervosi ed intensi dove tutto gira talmente veloce da sembrare fermo.

Giorni di riflessione ed incazzature.

Giorni come tanti, uguali l'uno all'altro ormai da troppo tempo.

Giorni da snocciolarsi a memoria.

Meglio sfogarsi.



Quando dalla busta magica di Silvia è uscito questo strano pettine con altrettanto enigmatico biglietto ho pensato ad uno strumento musicale antico per le bambine.

E invece...la stessa Silvia mi corregge il tiro e trattasi di un pettine da garganelli, apperò.


E così urge tutorial, guardato frettolosamente su utube con bimba annessa che fa al caso mio, che giusto giusto ci ho due uova di anatra fresche fresche, un pò di semola di grano duro e anche una bambina da far giocare che le altre due sono a scuola e la quarta mi guarda placida e tranquilla dalla culletta e se ne stracatafotte sia di me che della sorella.








Sarà meglio intervenire che giusto giusto è quasi ora di pranzo...


Silvia, al telefono, mi racconta dell'impasto dei garganelli:
- Sottile, mi raccomando e fa l'impasto con la farina 00!!
- Ahia, già si parte con il piede sbagliato, Silvia, ho già impastato la semola.
Vabbè fa niente che noi siamo temerari e sperimentatori

e poi me li condisce telefonicamente alla zingara...sarebbe?
- peperoni, cipolla e pancetta con un pò di pomodoro, ma peccato non è stagione.

Pensando ad una zingara di stagione è bastato sostituire i peperoni con i carciofi, evitare il pomodoro che con i carciofi non mi va giù e mangiarne due piatti.

Mentre li mangiavo però pensavo al perchè sia fondamentale l'impasto sottile, i garganelli son come i tortelli piacentini con le code bisogna trovare il punto esatto di cottura.
Lì è la difficoltà.
Perchè lo spessore della pasta arrotolata potrebbe ostacolare la cottura mentre dove la pasta è meno spessa, all'estremità, si potrebbe scuocere.
Mi son capita da sola ma va bene così.


23 commenti:

terry ha detto...

Ma che spettacolo!
bellissimi questi garganelli!
bello come regalo sto pettine, non ne ero nemmeno a conoscenza!
da cercare... e vai di altro gadget di cucina!
cmq complimenti...bellissime le foto ...soprattutto quella delle manine indaffarate!;)

silvia ha detto...

ecco! come far salire un sorriso alle labbra in un periodo in cui non riesco a prendermi. e non mi riesce niente di quello che vorrei. peccato che le amiche che vorrei vicine per piccipicciare incavolature siano tutte solo a portata di mail, di telefono e di diario. ma per fortuna almeno quelle. i tuoi garganelli sono perfetti, grandissimi e sicuramente conditi da dio.

Giò ha detto...

ah no ,io ho capito benissimo il teorema della pasta sottile in cottura mi hai messo un esempio per me lapalissiano!!!non avrei mai pensato a questo parallelo!
secondo me con la semola erano strepitosi e il sughetto, ne vogliamo parlare???baci e buona pasqua a tutte

Saretta ha detto...

Spettacolari Enza!Come i sorriso della piccola donna nella foto :D
Siete uan squadra fortissimi voialtre;)
Buona Pasqua tesoro, bacione

Scribacchini ha detto...

Ci credi che abbiamo capito pure noi, persino io che per la pasta sono ancora troppo mezza francesa? Persino se attraversiamo un fase diciamo di...torpore che fa più fine.
Belli belli belli i tuoi garganelli. A maggio dovrei avere la possibilità di incrociare Silvia (a Faenza per Musica nelle aie). Non vedo l'ora!
Baciotti assortiti da distribuire anche alla truppa.
Kat

Gaia ha detto...

la tua piccola cuochetta ha fatto un bel lavoro...
ma non è sfruttemento minorile??
:-))

Ciboulette ha detto...

l'immagine di Irene che ozia nella culletta e se ne stracatafotte di mamma e sorella indaffarate a fare i maccheroni e' sublime.
Faccio solo un'osservazione: ma quanto sono precisi questi garganelli? A me non verrebbe un quadrato uguale all'altro neanche se usassi la squadretta, e invece la premiata ditta mamma-figlia ha prodotto dei maccheroncini da urlo :)

iana ha detto...

Sono un'incanto... mani di fata la piccina!

enza ha detto...

ho scoperto il segreto.
avete presente la rotella tagliapizza? funziona perfettamente per dividere la pasta in tanti quadrati tutti uguali.
gio mia sorella ha studiato a piacenza e i tortelli erano il piatto forte del pranzo di laurea, l'osservazione l'ha fatto un amico piacentino ed è successo nel lontanizzimo 97 ma non l'ho scordata.
lo sfruttamento non è minorile ma materno anche perchè appena gli ho dato bastoncino e pettine in mano non l'ha mollato più non c'era verso quando ho provato a toglierlo per cercare di velocizzare ha talmente urlato che i vicini di casa hanno pensato che fosse scattato l'allarme di casa.
ragazzi per chi è già passato e per chi passerà buona pasqua, oggi si colorano le uova con 6 bambini 6 di età compresa trai 3 e i 7 anni.
evvai.

enza ha detto...

scribacchini il fancazzismo è altamente contagioso e ha preso anche me che devo portare giù montagne di erba ed erbacce due sacconi pieni e stan li da 15 giorni e dovrei anche portarmi avanti con i lavori sul terrazzo e invece...se lo sa l'archiniere mi disereda.

Claudia ha detto...

io t'ho capito
:D
due piatti di pasta dici? e comu facisti? da quel che ricordo, tu fai mangiare le tue figlie girando attorno al tavolo
;)
cià biddazza *
cla

Rosa's Yummy Yums ha detto...

What gorgeous pasta! I'd love to own such a pasta tool!

Cheers,

Rosa

Genny G. ha detto...

:* per i giorni che corrono e scorrono...

Mariluna ha detto...

ci giocherei volentieri anch'io con questa chitarrina e magari insieme proprio al mio piccolo spaventato che ora dorme sogni tranquilli proprio perché lo faccio giocare con me in cucina. Ce li saremmo mangiati tutti quegli splendidi garganelli!!!
:*****

cuochetta ha detto...

giornate densissime anche x noi... passo x' obbligatoriamente ad augurarti delle giornate di festa da passare serenamente in 6! Buona Santa Pasqua...famigliola!
Noi4

Ornella ha detto...

Enza, i garganelli sono perfetti, il condimento giustissimo, mamma e figlie una meraviglia di quadretto familiare... incazzature comprese!
Un abbraccio,
Ornella

Milena ha detto...

Adoro i garganelli che non ho mai avuto il coraggio di produrre in casa, ma la premiata ditta mamma-figlia è un portento!!!!
Buona Pasqua a te e alla tua famiglia :))
In casa mai c'è già aria di festa: è arrivata mia sorella con i bambini e i fratelli con prole e coniugi a seguito si alternano per pranzi e cene ...

Edda ha detto...

Sei tu che trasformi giorni di "incazzature" in giochi allegri e teneri. Sono bellissime, dall'aspetto cosi' ordinato ed antico (d'altra parte è una delle poche paste che si pettina ;-)
E poi grazie per le grasse risate che mi fai fare di qua e di là ;-)
Un abbraccio alle grandi e piccole e buona Pasqua

emilia ha detto...

Complimenti alla piccola ! Brava lei e brava tu per il condimento. Me gusta :-)

cobrizo ha detto...

un pettine prezioso per districare ogni "groppo"...
un pettine per delicate e fascinosi boccoli...
bellissimi.

banShee ha detto...

Ciao :)

Mi chiamo Elena e sul mio blog di cucina sto raccogliendo delle ricette, insieme agli altri food blogger, per creare una raccolta. :)

Si tratta di ricette "a colori" che verrebbero poi raccolte (citando ovviamente le fonti) in un ebook scaricabile da tutti gli amanti della buona cucina.

Se ti può interessare, questo è il link dove ci sono tutti i dettagli. :)

Raccolta ricette di cucina


Spero di aver destato la tua curiosità. :P

Ti auguro buona giornata,

elena.

Valeria ha detto...

sono sicura che questo gioco da piccole piacerebbe molto alla mia piccola... e anche a me! brava!!

Ely ha detto...

ma che meravigliaaaaaaaaaaaaaa! grande la tua amica e bellissima idea per far giocare i bambini con la mamma :-)))