martedì 5 febbraio 2008

Ripescaggi



evabbè...per quest'anno ho dato con le bombe e quindi per non lasciar solo queste sul carnevale metto qualcosa di ripescato dall'archivio.

Come tutti sapete la mia memoria storica e un forum dove non ho mai smesso di scrivere è questo e da qui ho ripreso la ricetta e le foto.


la ricopio per comodità...per la qualità della foto.

risale a tempi antediluviani...quando ancora non avevo nemmeno uno straccio di macchinetta con la funzione macro e nemmeno tutte le nozioni che con il tempo ho acquisito, ma questo è un altro discorso che affronterò con calma.


Ah, un'ultima cosa...nei prossimi giorni starò davanti al monitor del pc: frittata di cipolle, peroni gelata e rutto libero come Fantozzi

c'è l'ultima sfida di Iron Blog.

Per chi tifo? che domande indiscrete!


Una frappa lievitata e fritta siringata con crema pasticcera al limone.


per il vassoio che vedete e che basta per 8 cristiani discretamente affamati.


-200 gr farina 00 - 1 cucchiaio e mezzo di zucchero semolato - 4 cucchiai di rhum chiaro (ma va bene anche la grappa) -2 uova intere -un pizzico di sale -una noce di burro -un angolino di lievito di birra o poco più (diciamo 5 gr) -scorza grattuggiata di un'arancia (io non ce l'ho messa, non avevo arance degne in casa)
Impastare il tutto fino ad ottenere una pasta elastica che si stacca facilmente dal piano di lavoro e dalle mani. mettere a lievitare chiusa dento un sacchetto di nylon o dove volete voi.
Mezz'ora prima di friggere rovesciare la pasta sul piano infarinato e abbassarla con il mattarello facendo una sfoglia alta un paio di mm (non troppo sottile mi raccomando), tagliare con la rotella dentata a losanghe e lasciar riposare. nel frattempo scaldare l'olio e friggerli per immersione. siccome era la prima volta che li provavo, li ho sempre mangiati fatti da altri, i primi sono venuti un pò scuretti. bisogna fare molta attenzione e friggerne poco per volta e rigirarli quasi subito con il ragno. siringare le bollone che si formano con la crema pasticcera.
La mia ricetta? -3 tuorli -150 gr di zucchero -45 gr di farina -un pizzico di sale -500 ml di latte -aroma (vaniglia, limone, arancia...)
I tuorli non vanno montati ma semplicemente mescolati con lo zucchero. poi si aggiunge la farina e si mescola e poi il latte bollente a stemperare il tutto. sul fornellino piccolo a fuoco bassissimo fino ad addensamento.

4 commenti:

cuochetta ha detto...

Enzaaaaaa
che boneee!

Auguroni passati per la piccola quattrenne... la torta è molto attuale, vero? ^__^

Noi siamo alle prese con lo studio dei menu scolastici per ispirazione menu casalingo... la mia pargola ha voglia di cose sempre NUOVE!
Baci
Anna

comidademama ha detto...

ma che buoni!!!!!!

giu&cat ha detto...

Ah Enza, se avessi una vicina di casa come te sarebbe la mia gioia con tutto questo ben di dio carnevalesco e con la tua solarità! Nelle scale del mio condominio non si sente né odor né favella :(( Cat

marcella candido cianchetti ha detto...

buona giornata ho finito la parte storica della ricetta ciao