giovedì 26 giugno 2008

Antò fa caldo




recitava la famosa pubblicità.
E caldo lo fa davvero, alla faccia mia.
E mannaggia a chi lo invocava pregando manitù
Eh si mi tocca dirlo, come ogni anno rispunta il fatidico tormentone.
Quando ancora fa abbastanza fresco (leggasi, si sta bene) tutti a lamentarsi per il ritardo dell'estate e poi....è arrivata l'estate, si ma che caldo...
E insomma come si dice in sicilia larga non vi viene e stretta non vi trase.
Ora, ma come si può dire che si sta bene quando fuori ci sono 40° scirocco tipo phon e si devono far sempre le solite cose e in più con la pressione sotto le scarpe.
Io comunque coerentissima con me stessa lo ribadisco, per me l'estate è una stagione che andrebbe abolita.

Dulcis in fundo che si fa in cucina?

una bella colata di cemento sul piano cottura? un sigillo termosaldato al forno?
No, si tira avanti e per farla ancora più difficile il forno non si sigilla, si accende per fare questi.
Questi sono i pomodori con il riso il piatto estivo romano per eccellenza.
Sono facili da mangiar anche a morsi se si vuole e se il siciliano in spiaggia si porta la teglia di anelletti al forno, il romano ci va con i pomodori come dire: lido che vai piatto che trovi.
Farli è semplice, dovrete far pace con l'idea di accendere il forno.

Svuotate i pomodori raccogliendo succo, polpa e semi in una ciotola.
I pomodori vanno fatti sgocciolare a testa in giù dentro uno scolapasta

Nel frattempo con un mixer ad immersione frullate l'interno dei pomodori cui avrete aggiunto uno spicchio microscopico di aglio, tanto basilico e olio tanto da ottenere un composto liquido, liquidissimo.
Regolate di sale e pepe, ovviamente.

Al liquido frullato unite il riso CRUDO (io uso un riso per risotti) nella dose di un cucchiaio a pomodoro (es 9 pomodori 9 cucchiai di riso) più un paio per la teglia.

Farcite i pomodori e sistemateli con il loro coperchietto in una teglia dove prima avrete messo le patate e le cipolle tagliate a grosse fette e condite con poco olio sale e pepe.
Spargete sulle patate il composto di pomodoro frullato e riso se vi è rimasto, farà una bella ed invitante crosticina
Forno a 180° fino a quando il riso non è cotto.


Ovviamente io non uso i pomodori belgi enormi ma i ramati tondi, tzè, semplicemente perdo un pò di più del mio tempo per scegliere quelli più grandi.


21 commenti:

sandra ha detto...

:(((
Non li posso più mangiareeeeeeee!!!
Ma ci pensi, IO ME, senza pomodoriiiiiiii.. e fragole e peperoni!
Boni questi, io li amo!
baci e ci sentiamo sabato!

comidademama ha detto...

meraviglia!!!

enza ha detto...

sandra la soluzione si chiama xysal o zirtec o...dai sto scherzando volevo consolarti.
si ci sentiamo per sabato.
elena :D

comidademama ha detto...

ho scampato lo zirtec quest'anno
ho preso solo due claritin e delle erbe dell'erborista viennese dei miei amici. Non sono allergica, credo, almeno non così tanto. Meno male.

Alex e Mari ha detto...

A Roma i pomodori al riso li prendavamo sempre in rosticceria, la mia rosticceria preferita che mi manca tanto e che è la prima meta al mio ritorno per mangiarmi due supplì filanti.
Non ho quindi mai imparato a farli in casa e ti sarò eternamente grata per questa ricetta con i passi fotografati. Fantastisch!
Per me invece ci potrebbero essere 40 gradi fino a novembre ... ma la penso così solo da quando sono in Germania :-))
Buon WE, Alex

Sere ha detto...

Così non li ho mai mangiati. Mi incuriosisce tantissimo la cottura del riso nel sughino.
Appropositissimo, abbiamo un conticino in sospeso io e te... Ma che ti è balzato in mente eh??? Io mi rilasso e poi al rientro devo fare il buffet virtuale??? Dovreste organizzarmi voi un addio al nubilato virtuale, altro che! hiihihhiih
Ciao bambolina......

sweetcook ha detto...

Che estate sarebbe senza pomodori?:D
Buonissimiiiiiiiiiiii:-)

Fra ha detto...

COncordo con l'abolizione e anche io continuo ad usare il forno tzè alla faccia della mia pressione che scava buche per andare ancora più giù ;)
Un bacio
Fra

Claudia ha detto...

ma dico...vuoi mettere il palermitano che va in spiaggia con gli anelletti ahahah, con tanto di sedie, tavolini, ombrelloni e quant'altro
smacchete ***
ti scrissi la mail duciazzamiabedda
***

emilia ha detto...

Anche se amo l'estate e il sole posso lo stesso prendere un pomodorino ??? Ahaaah, dai dai che e' cosi' bello uscire in cannotiera e calzoncini corti ;) buon fine settimana, caldo ma buono :)

Saretta ha detto...

Uau che ricettinaaaaa!
Io pure non li ho mai provati, nè rinuncio al forno..domenica ho avuto il coraggio di fare un pane e un plumcake...roba da crepare!
Bacioni gioia e buion we!!!

enza ha detto...

vabbè claudia spieghiamo
la domenica le spiagge più belle della sicilia sono prese d'assalto dalle famiglie dei vacanzieri volanti.
Di solito si piazzano in mezzo alla spiaggia con 3-4 omprelloni uniti con un telo a formare una specie di villaggio di tucul e la famiglia è così composta:
la nonna pesa sempre non meno di 120 chili e dalla sua seggiolina pieghevole organizza le operazioni di sbarco, fulmina con lo sguardo orde di ragazzini urlanti e presiede alla spartizione dei beni
il nonno, si butta da una parte all'ombra e non gli passa nemmeno per l'anticamera del cervello.
Il papà canottiera regolamentare possibilmente nera, slippino possibilmente nero puntualmente si barda con maschera pinne occhiali palloncino galleggiante di segnalazione e fucile e sparisce in cerca di purpi e ricci, e puntualmente torna paonazzo e livido ma con quattro pescetti che se lo poteva risparmiare.
La mamma prendisole e fisico segnato da gravidanze multiple (parlo io...) passa il suo tempo a strillare alle orde di ragazzini che allegramente se ne stracatafottono e fanno le peggio cose, oppure discute con i vicini di ombrellone o si scusa perchè Tore è passato alla velocità della luce insabbiando i malcapitati nel raggio di un chilometro quadrato.
E poi c'è lei...la figlia adolescente...raggio di sole quella tiida, un pò tracagnotta con le cuffiette alle orecchie che tutto quello che le chiedi ti risponde..mi siddìa (non mi va).
all'ora di pranzo parte l'operazione sfamiamo la truppa e da sotto il tavolino pieghevole escono teglie e teglie di anelletti al forno, arancini, crocchette e panelle (il mare smorca il pitittu) seguite ovviamente dall'immancabile muluni d'acqua (anguria) con successivo lancio di bucce rosicchiate ovunque.
c'è pure il fornelletto a gas per fare il caffè.
:D
la raccomandazione...se volete godere il mare state lontani dalla spiaggia nel we.

Gunther K.Fuchs ha detto...

mi diverto sempre molto a leggere i tuoi post, ma ho apprezzato anche i pomodori e la spiegazione

unika ha detto...

sei di una simpatia unika:-) deliziosi questi pomodori ripieni;-) un bacio
Annamaria

Adrenalina ha detto...

Mamma che buoni!!! vedi che anche dall'isola trovo il modo di venire qui a mandarti un bacino rinfrescante!!
Anche io odio l'estate, ma come dire al mare non mi dispiace!!!
Bacioni grandissimiiiiiii

Moscerino ha detto...

eh eh eh...fantastica la narrazione della famiglia sicula al mare!! e bella questa ricetta di pomodori con il riso...io li faccio spesso, ma in tutt'altro modo...più che altro pomodori con una sorta di insalata di riso...o con un risotto leggero, ma mai con il riso crudo. Straaaaaaano...mi incuriosisce! un abbraccio grandissimo!
P.S. ricordo male o tra poco torni verso la terra natia per le vacanze? :-)

fiordisale ha detto...

ammemi, invece, mi piace il sole, ci starei dentro, potessi.
Ma guarda tu sti segni d'acqua, sempre a lamentarsi!

:))

Claudia ha detto...

uaaauuuaaahhhhh
non si può una stampa e una figura
descrizione di un filmato che va in onda tutte le santissime domeniche sulle nostre spiagge
sei meravigliosa :*

campo di fragole ha detto...

Che scoperta :O che ho fatto!!! Non spaevo che si facessero cosi'....con il riso crudo da far cuocere direttamente in forno con il sugo di pomodoro.... Devo fare questa tua versione. I miei, quelle poche volte che li ho fatti, li ho riempito con risotto al pomodoro...
Un bacio Enza,
Daniela

++++++++++ Che brava sei con le orecchiette!!Io ancora mi ci devo mettere....

mamma3 ha detto...

Che meraviglia l'immagine di un romano che addenta a morsi il pmodoro ripieno i spiaggia...goduria! Piatto bellissimo, Elga

niki ha detto...

Stupenda ricetta! Devo ringraziare Alex che l'ha lincata! Chissà se viene anche con il riso nepalese. Appena ho un giorno libero ci provo!