venerdì 2 maggio 2008

Essere madre

http://www.camillalastellachebrilla.it/

Essere madre è una cosa ben strana.
Diventi improvvisamente altro, si impossessa di te una persona che non conoscevi prima.
E non importa se quel pacchetto ti procurerà talmente tanti guai peggio delle bombe di Hiroshima e Nagasaki messe insieme.

Si affronta tutto, si condivide tutto e soprattutto la capacità di amare si amplifica nel tempo a tal punto, che il ricordo di chi eri prima diventa sempre più sbiadito.

Son conquiste giornaliere, piccoli passi nell'imparare ad essere genitore.
E chi mi conosce sa di cosa sto parlando.
Sa che sono convinta che il famoso istinto materno (o paterno) è una stupidaggine pazzesca, non c'entra l'istinto, c'entra la scelta.
Soprattutto i primi tempi la fatica più grande è adattarti al fatto che devi fare di necessità virtù, che chi ti sta stancando, fracassando i timpani e ciucciando le tette facendoti un male bestia è parte della tua vita e non puoi arrenderti all'istinto di frullare il frugoletto fuori dalla finestra pur di riavere la tua vita di prima.

Una gran fatica insomma, alla quale ci si assuefa con piacere e nel tempo.
Poi incontri questi genitori e allora capisci che le tue conquiste non sono poi così grandi, che ci sono persone che devono affrontare ostacoli che tu, genitore di figli sani, mai vorresti affrontare o potresti affrontare.

E la santità passa anche da qui.

Perchè scrivo questo?
Perchè mi è stato chiesto di divulgare questo esempio, di sostenerlo.
Io però provo anche a spiegare con il mio linguaggio contorto e sgrammaticato cosa mi passa per la mente leggendo di Camilla.

Mi piacerebbe sapere cosa passa nella vostra mente.
Intanto metto il link nella sidebar e spero che molti di voi facciano lo stesso.
Vorrei stringere questi genitori e questa bambina in un lungo abbraccio virtuale, vorrei poter spiegare loro che sono un esempio e dargli il mio sostegno molto più che con un semplice link.
Queste iniziative grazie a san web sono sassi nello stagno e vorrei che i cerchi concentrici di questo amore travolgessero quante più persone.

Che dire di più?
Niente.

PICCOLO AGGIORNAMENTO
Voorei che qualcuno mi spiegasse come fare a copiare il codice HTML e mettere così il link sulla vostra sidebar.
Sarebbe anche questo un modo per aiutare Camilla.
<a href=\"http://www.camillalastellachebrilla.it/\"><img hspace=\"1\" src=\"http://thumb9.webshots.net/t/52/652/3/27/93/2775327930101024389elmyBN_th.jpg\" /></a>

18 commenti:

Fra ha detto...

Ciao Enza,
io non so cosa vuol dire essere madre, ma deve essere straziante sentirsi impotenti davanti al dolore del proprio figlio. Straziante e anche frustante; sapere che c'è il modo per farlo stare meglio e non poter darglielo. Quindi nel mio piccolo come non potrei aiutare questa famiglia a diffondere il loro dignitosissimo appello?
Baci e a presto
Fra

enza ha detto...

grazie fra e grazie a tutti quelli che accoglieranno l'iniziativa.
te l'ho detto già che hai un blog bellissimo?

Ely ha detto...

Grazie Enza per averi fatto conoscere questa storia.... mamma mi ce ne sono così tante e anche io come te penso che la fortuna più grossa sia proprio la salute dei figli, oltre a tutte le altre cose stuoende che ci regalano ogni giorno...
grazie ancora, e visto che Mattia fà la prima comunione domenica mi sembra magari un bel gesto regalare un po di speranza a questo angelo, ne parlerò con lui
Ciao Ely

Aiuolik ha detto...

Non conoscevo Camilla...grazie per aver divulgato la notizia!

isabella ha detto...

L'essere madre è l'essere sopraffatte, dai sentimenti, dalla gioia, dalla fatica, dalle risa e dal pianto e magari il tutto in un giorno o in un momento. Io non mi sono negata nulla, dal desiderare un figlio al non poterne avere (poi è arrivato Yups!), dall'essere genitore single a nuova famiglia ancora più allietata da JackJack.
E' un passo che fai e dal quale non torni mai indietro, è il mistero che ti lega indissolubilmente ad un altro essere umano regalandoti la sensazione di aver finalmente fatto qualcosa per cui vale la pena vivere. Il bello di queste cose è che i sentimenti germogliano già con il solo desiderio, come già succedendo a Gi e Cat, che hanno intrapreso la via delle pancie con le ali

salsadisapa ha detto...

grazie per la segnalazione! non ho figli ancora, ma da certi comportamenti di mia madre mi rendo conto vagamente di quanto questo sentimento possa essere totalizzante...
saluti :-)

g. ha detto...

grazie!

Claudia ha detto...

ho messo il link ma non sono riuscita ad inserire la foto della stella...ne ho messa un'altra
spero che vada bene lo stesso
grazie
:*

Viviana ha detto...

ora mi attivo per metterlo anche io ;)
un bacio enorme!!
sei una forza della natura!!!!

Saretta ha detto...

A volte guardo la mia mamma e mi commuovo pensando a quanto amore e forza ha messo per farci crescere, nonostante tutte le prove che ha dovuto affrontare e le difficoltà della vita.Mi chiedo come abbia fatto e, la risposta è ancora tutta nella parola AMORE:solo con esso e per esso si compiono cose inimmaginabili.Noi figli siamo spesso degli ingrati( parlo per me ovviamente), dovremmo ringraziare più spesso il Cielo del dono della vita e, particolarmente della salute!
Questo commento è di ammirazione nei confronti di chi fa il genitore con amore, solo il fatto di esserlo lo rende una creatura speciale.
Un abbraccio Enza e grazie per la riflessione!
saretta

fiordisale ha detto...

Avevi ragione, dovevo assolutamnte passare e legegre quello ch avevi da dire e sentire quanto profondamente senti quello che hai scritto.
metto subito il link.

piesse
non ho capito cosa significhi "Voorei che qualcuno mi spiegasse come fare a copiare il codice HTML e mettere così il link sulla vostra sidebar."
a te pare funzioni tutto o no?

enza ha detto...

no è che volevo editare il codice per benino come sapete fare voi (tipo il riquadrino con il codice all'interno per fare il copia incolla) ma mi pare che venga bene lo stesso, no?

Adrenalina ha detto...

Ciao Enzaaaaa!! Mi ero persa questo post!! Sai che ti dico vado su paypal e contribuisco e metto il bannerino pure io se poi ci mettiamo che è anche la festa della mamma quale occasione migliore per promuoverla?
Baci passa da me che ci sono gli auguri anche per te ;)

Adrenalina ha detto...

Enzaaaaaa non riesco a mettere il link!!! Come hai fatto tu??

PuroLino.it ha detto...

Le tue parole sono toccanti, come la storia del resto... e come questa, più o meno tristi e penose ce ne sono tantissime.
Proprio per questo non dobbiamo mai smettere di pensare a quanto siamo fortunati ogni giorno che passa, anche solo ad avere la nostra "buona salute".

viviana ha detto...

sono mamma da quasi quattro anni, forse troppo poco per capire bene cosa significhi davero esserlo, ma abbastanza da immedesimarmi nella storia di camilla....ma sono troppi i sentimenti che si affollano: tenerezza, comprensione, rabbia, delusione....non lo so, non so che farei....ma ammiro profondamente le mamme e i papà di bimbi come Camilla, che riescono a trovare la giusta chiave di lettura per quello che stanno vivendo....

enza ha detto...

viviana se ti dico che ti capisco, mi capisci?

fabdo ha detto...

Condivido parola per parola ciò che pensi.
Grazie per avermi fatto conoscere Camilla e i suoi genitori.
Donatella