martedì 5 giugno 2012

Ancora vivi

IMG_4982 

Cacchio son due mesi che non metto mano al blog.
Ed è una vita che questa ricetta staziona ben riposta, tanto il tempo c'è.
E invece tempus fugit e infatti siamo al secondo mese di "salutiamoci" l'iniziativa sull'alimentazione sana curata da alcune amiche blogger.
Mese per mese troverete il blog che ospita l'ingrediente della salute, i partecipanti ci mettono il resto.

Per i dettagli vi rimando al post di Stella di Sale, qui accanto troverete il logo e relativo link.



Ed eccomi anche io, fanalino di coda, a postare la mia interpretazione.

Non è un mistero per nessuno perchè vi scasso gli zebedei tutti i giorni su FB con le foto del mio microgiardino, già così pieno da sembrare una foresta, nel quale ho creato un micro-orto tenuto su con i criteri antichi.

Un orto che già nel breve periodo mi sta dando soddisfazione e mi sta permettendo di arricchire le mie competenze in materia.

Non sono una fan del biologico e non credo di diventarlo adesso, nè tantomeno sono una fan irriducibile dell'alimentazione sana.
E ho i miei motivi.

Il primo dei motivi è che sono antiproibizionista, i toni perentori non solo mi hanno sempre infastidita ma addirittura hanno risvegliato in me la voglia di trasgressione.
Una cosa proibita è una cosa ambita, proprio quel che succede ai bambini i destinatari principali del messaggio alimentare.

Da mamma, la mia educazione alimentare indulge anche sugli alimenti spazzatura che in casa mia, in minima quantità non sono affatto vietati.
Insomma non c'è il lucchetto alla Nutella, nè alla Coca Cola.
C'è una sorta di libertà vigilata che finora ha dato i suoi frutti.

Mi spiego: la Nutella è consentita e accessibile alle mie bambine sotto la mia supervisione in modo che si sentano gratificate senza apparenti divieti.

La vuoi? eccola, il cucchiaino te lo do io, non sarà simbolico, sarà gratificante, tranquilla.
Il barattolo maxi formato è visibile e mai nascosto, sta lì e se me lo chiedi te la do, se ne vuoi troppa te la nego.
Vuoi la Coca Cola?
Eccola, ma solo la domenica sera quando preparo la pizza.
Gli altri giorni no, per loro non è un divieto è una dimenticanza, mi scordo di comprarla.

Mia mamma nascondeva il barattolo, lo circondava di allarmi e raggi laser, se chiedevamo pane e Nutella ci propinava pane e strato simbolico, il che produceva l'effetto desiderio inappagato.
Bastava scoprire il nascondiglio e...barattolo addio....
Non voglio che succeda lo stesso con le mie bambine e finora l'apparente libertà non ha prodotto desiderio e di conseguenza riesco a gestire la cosa in modo tranquillo limitandole.

Lo stesso senso di fastidio me lo ha dato leggere una lista di alimenti incasellati come assolutamente proibiti, consentiti ma non consigliati e raccomandati.

Non la vedo proprio così, già la stessa schematica divisione in diavolo e acqua santa mi induce a più miti consigli.
Con questo non voglio dire che non dobbiamo percorrere la via della sana alimentazione ma nemmeno demonizzare senza possibilità di appello.

La stessa cosa è se leggo nella tabella di alimenti a chilometri zero e alimenti biologici.
A parte che andare al Naturasi è un'esperienza, perchè le verdure bio oltre ad avere prezzi che manco l'oro al grammo mi fanno una tristezza estrema perchè sembrano la copia fotostatica avvizzita delle verdure del supermercato e poi...davvero una persona normale con uno stipendio normale non può permettersi di spendere 6 euro per un mazzo di broccoletti.

Il messaggio che secondo me passa da uno schema così fatto è che già se mangi chilometri zero piuttosto che bio t'avveleni irrimediabilmente e il minimo è che ti becchi il cancro.
Magari fosse così semplice.
Regna la confusione anche per tumori di cui si conosce la relazione causa effetto, faccio un esempio fumo e cancro del polmone, c'è una consistente fetta di malati di cancro del polmone che non hanno mai toccato una sigaretta in vita loro e ci sono fumatori incalliti morti di vecchiaia ma non di cancro al polmone.

Non mi dilungo oltre, perchè qualcosina avrei anche da dire sulla letteratura scientifica destinata a suffragare il tutto.

Trovo che la vera sfida sia far capire che possiamo trovare una via di alimentazione sana e altrettanto gustosa quanto quella junk, dove per junk non intendo certo il formaggio o la carne o le uova alimenti fortemente demonizzati in questo schema.
Per questo, nonostante le remore spiegate, ho aderito pur con i miei tempi biblici al progetto delle mie amiche, perchè nel sano buono e gustoso ci credo anche io.


Scusate il suppostone simil-filosofico, ma così la penso.
I piselli che ho usato sono quelli del mio orticello microscopico.
Li avevo fotografati e pubblicati su FB e una mia amica ha commentato che andavano mangiati crudi appena colti.
Ancora vivi, insomma.

Siccome non amo molto il sapore dei piselli crudi ma sapevo che aveva ragione lei, ho cercato di trovare una via di mezzo.

IMG_4898

GNUDI DI PISELLI ALLO PSEUDOPESTO

- una manciata di piselli appena colti
- 200 gr di ricotta
- 100 gr di farina di grano duro
- olio evo
- basilico
- pinoli
- mezzo spicchio d'aglio
- sale e pepe

Impastare la ricotta con la farina e i piselli crudi fino ad ottenere un composto lavorabile che si stacca dalle mani, tenete conto che le dosi sono abbastanza approssimative se dovesse servire potete aggiungere più farina.
Intanto riscaldare l'acqua salata, deve fremere senza bolllire impetuosamente.
Formare delle piccole polpette con le mani e tuffare gli gnocchi, gnudi, polpette o chiamateli come vi pare raccoglierli con il mestolo forato una volta venuti a galla e condirli con il pesto pseudo perchè senza formaggio.




13 commenti:

Saretta ha detto...

IO non ci sto dietro a commentare le foto meravigliose del tuo giardino...ma sappi che ammiro tantissimo!!!
Quanto alla talebanità, io sono la prima a cedere davanti ad un dolce, ecco :)Credo tu stia educando correttamente le tue bambine.
Mi piacciono gli gnudi e..spero di leggerti più sesso Enza, mi manchi sai?
Un abbraccio
Sara

Ciboulette ha detto...

anche io vorrei leggerti di più, ma senza sesso!!! :-D (scusa Sareta, non ho resistito!)

Se tu sei fanalino di coda io sono completamente assente per ora :-(, e comunque io i pisellini li mangerei solo crudi!

Io non so che metodo userò con Daniele, ho paura che se continua a mangiare così poco, cederò altro che al junk :-(

enza ha detto...

sesso non procreativo voglio sperare, lascio il passo alle nuove leve hihihihi.

Cib i bambini per certi versi vanno lasciati fare, non tormentarti e non tormentarlo, mangerà.
Avevo un nipotino magrissimo che mangiava altro che pasta in bianco e pizza bianca.
A furia di ingozzarlo a forza, di mortificarlo con i continui "guardati come sei magro", troppo magro dategli da mangiare e così via adesso si sta arrotondando fin troppo.
Non aver paura, di storie così ne sento fin troppe.

E lo dico a te per non dirlo a me che ho Livia magra una mazza di scopa.
Ogni tanto ci provo a forzarla ma senza troppa convinzione e lei sgambetta felice lo stesso.
(ed è la nutellofila della famiglia)

Laura ha detto...

Sono d'accordo con te sul non nascondere o privare le schifezze, ma permetterle con moderazione. Mia mamma mi privava delle caramelle e poi ne compravo etti e le mangiavo in una seduta.

Devo provare questi gnocchi, anche se non se se la mia figlia "delicata" li mangerebbe. Chissa' se si possono fare senza il glutine.

Bentornata!

Ciboulette ha detto...

infatti ogni tanto gli diciamo "poi non ci diventare cicciottello da grande!

Ci è capitata una pediatra ansiogena, purtroppo, vabè. Bacioni a tutte le tue bellissime ragazze!

enza ha detto...

Mollate gli ormeggi e le pediatre. Lo vedi? Il meccanismo é diffuso

enza ha detto...

Mollate gli ormeggi e le pediatre. Lo vedi? Il meccanismo é diffuso

Giuliana ha detto...

e ora tocca all'orzo....

ci penserò quando torno dal Friuli...


un bacio Enza, e uno alle tue bimbe...

Giuliana ha detto...

e ora tocca all'orzo....

ci penserò quando torno dal Friuli...


un bacio Enza, e uno alle tue bimbe...

Saretta ha detto...

Che figuracciaaaaaaaaaaa :(

Anonimo ha detto...

I divieti ... tralasciando quelli che impongo a casa mia (coca cola e fritti di provenienza industriale ma non per motivi salutistici, mi fanno davvero schifo) condivido il tuo punto di vista. Probabilmente se durante la mia infanzia qualcuno fosse riuscito ad essere così equilibrato, non avrei problema alcuno con il cibo: mi era permesso qualsiasi cibo spazzatura. E ora li bandisco ... mah!
La realtà del cibo Bio sarebbe una gran cosa nei presupposti ma come ogni "caso" che si rispetti, finisce sempre con il perdersi tra logistiche di mercato e di moda, soprattutto.
Io continuo a scegliere una sorta di equilibrio (eccezione fatta per le cose di cui sopra) e a scegliere cibo di stagione, a preparare più che posso le cose in casa, senza essere una talebana del "faccio-tutto-da-me".
Magari un giorno farò pace con il mio proverbiale pollice nero e riuscirò a crearmi un orto ...
Chissà!
Un abbraccio
Marika

Parole Ripiene ha detto...

Non so se amo di più l'originalità di questa ricetta, le foto seminate in tutto il tuo blog o la tua voglia di scrivere tra le righe.
Complimenti per il blog, Ali.

enza ha detto...

Come vedete per tutta una serie di casini (e chi non ne ha:beato lui) le mie parole escono a tratti quasi uno sputacchio. In questi giorni son stata a milano all'istituto nazionale tumori. a settembre é prevista una giornata dedicata a tumore al seno familiarità e alimentazione mi pare il 18. Mi piacerebbe molto partecipare